L’e-book per conoscere il gres e dar forma alle tue idee

Un supporto Made in Florim per i tuoi progetti di interior design

Texture e pattern per il design di interni: uno studio sull’uso del colore

Una guida per progettare ambienti di carattere nel segno della contemporaneità

Un e-book per conoscere il gres e le sue possibili applicazioni tecniche

Spunti e idee per i tuoi progetti di architectural design

Negli ultimi decenni la produzione del gres porcellanato ha fatto passi da gigante. In particolare, si è specializzata nella realizzazione di grandi lastre di dimensioni fino a poco tempo fa impensabili e con spessori inferiori ad un centimetro. Le grandi metrature ne hanno permesso un utilizzo diffuso come rivestimento esterno di pavimenti e facciate, ed inoltre gli spessori così ridotti le rendono adatte ad utilizzi davvero innovativi.

Per fare un esempio, il progetto Magnum Oversize del marchio Florim, propone un’ampia gamma di formati (da 80x80 a 160x320) e texture, in lastre dello spessore di soli 6 mm, permettendo di rivestire completamente esterni, interni ed arredi con un effetto davvero unico. La linea di grandi lastre Florim ha ottenuto la Menzione d’Onore del Compasso D’Oro ADI 2016.

 

Come far dialogare comfort ed estetica? Lasciamo parlare i progetti. Scarica  l'ebook qui!

 

Nell’articolo “I miti da sfatare sul gres in grande formato” è possibile trovare risposta a tutte le domande che possono sorgere sull’uso di formati oversize riguardanti il trasporto, la posa in opera, le performance tecniche ed estetiche.

Case History

INTERIOR: Il Decameron Clubhouse ad Odessa

Questo Hotel è stato concepito e realizzato per comunicare eleganza e raffinatezza. Per realizzare rivestimenti di pregio, si è optato per l’utilizzo di lastre in gres porcellanato sottile con diverse finiture. Nei differenti spazi dell’hotel troviamo gres effetto cemento, travertino, pietra, alabastro e marmo di Portovenere. Sembra quasi impossibile che tutte le superfici siano in realtà realizzate con lo stesso materiale, ma è proprio questa la straordinaria capacità del gres: un unico materiale che può assumere infiniti aspetti estetici e tattili - dalla porosità della pietra alla lucentezza dei marmi - il tutto in uno spessore di soli 6 mm.

Decameron Clubhouse, Odessa pavimenti e rivestimenti in gres

Decameron Clubhouse, Odessa bagno gres porcellanato

Decameron Clubhouse, Odessa (Ucraina)
guarda il progetto

 

DESIGN: Passive House Cesena

Progetto d’interior design dell’Arch. Stefano Piraccini, questa residenza privata situata a Cesena ci mostra come il gres può essere utilizzato non solo come rivestimento di pavimenti o pareti, ma anche integrato all’interno degli arredi. Nella zona living, infatti, sia il top della cucina che il tavolo sono realizzati con dei grandi formati in gres. Il tavolo in particolare, elemento centrale dell’ambiente, è realizzato con un’unica lastra 120x240 dello spessore di 6 cm, con una nuance tenue che ripropone un lieve spatolato cementizio. Il piano di lavoro dell’angolo cottura ha invece una tonalità neutra, come anche i rivestimenti dei bagni, sempre in gres.

La possibilità di tagli di qualsiasi dimensione offre la possibilità di integrare il gres nell’arredo con grande flessibilità creativa garantendo al progetto elevate performance tecniche ed estetiche. Il gres infatti, grazie alle sue caratteristiche di idrorepellenza, alta resistenza a macchie e ad agenti chimici è perfetto per top di bagni e cucine e piani di lavoro in generale. Inoltre il gres è caratterizzato da una facilità di pulizia e manutenzione, che lo distingue da altri materiali. Per la manutenzione ordinaria possono infatti essere utilizzati nella maggior parte dei casi detergenti comuni, prestando differenti accortezze a seconda della finitura.

casa passiva Cesena

casa passiva Cesena top cucina in gres

Passive House, Cesena (Italia)
guarda il progetto

 

EXTERIOR: Facciata ventilata a Mendrisio

La resistenza e la leggerezza, che caratterizzano le grandi lastre in gres di spessore esiguo, le rendono il rivestimento ideale per le facciate. Un esempio concreto è costituito da un palazzo realizzato a Mendrisio, in Svizzera. Le maxi lastre (formati di 80x240 cm e 120x240 cm) vanno a costituire una facciata ventilata d’eccellenza grazie alle caratteristiche di trasmittanza del materiale ceramico. Il sistema di ancoraggio a “S” tra le lastre conferisce al sistema un’efficace risposta alle sollecitazioni ordinarie e straordinarie derivanti dagli agenti atmosferici. La finitura delle lastre, ispirata alla materia cementizia, dona all’edificio un aspetto austero ma di gran classe.

facciata ventilata Mendrisio

facciata ventilata Mendrisio

Facciata ventilata, Mendrisio (Svizzera)
guarda il progetto

 

Molti sono gli elementi a favore del gres porcellanato sottile che abbiamo visto in questi esempi, ma è bene tener presente che questo materiale comporta anche alcune accortezze da adottare. Una su tutte, le lastre devono essere imballate e maneggiate con cura ed è importante che ad occuparsi della posa sia una squadra specializzata.

Di seguito sono riportati alcuni video esplicativi della posa e movimentazione dei grandi formati a spessore così sottile.

 

In conclusione, il gres porcellanato sottile costituisce un’ottima scelta sia per progetti “total look” sia per progetti con un “mix&match” di ispirazioni diverse, dagli elementi di arredo fino ai rivestimenti esterni. Nello spessore di soli 6 mm, offre ottime caratteristiche tecniche, elevata resistenza e un’estetica di impatto.

New call-to-action