L’e-book per conoscere il gres e dar forma alle tue idee

Un supporto Made in Florim per i tuoi progetti di interior design

Texture e pattern per il design di interni: uno studio sull’uso del colore

Una guida per progettare ambienti di carattere nel segno della contemporaneità

Un e-book per conoscere il gres e le sue possibili applicazioni tecniche

Spunti e idee per i tuoi progetti di architectural design

Sul finire degli anni Settanta del secolo scorso, vi è stata la svolta più importante nel campo della produzione ceramica: la creazione del gres porcellanato. Questa ha portato ad una radicale trasformazione dell’industria di settore.

La differenza tra la ceramica tradizionale ed il gres porcellanato riguarda gli elementi compositivi: all’argilla viene aggiunta sabbia finemente macinata e pressata, che rende il materiale meno poroso, più denso, resistente e flessibile. Ed è proprio la sua duttilità che lo rende un prodotto unico, permettendogli di assumere aspetti differenti: dalla reinterpretazione di metalli e tessuti, fino ad arrivare ai materiali naturali. In qualità di professionisti, è meglio utilizzare questi ultimi o il gres porcellanato? Il gres, soprattutto quello di alta manifattura, si attesta nella maggior parte dei casi come la scelta ideale. Vediamo perché.

Come far dialogare comfort ed estetica? Lasciamo parlare i progetti. Scarica  l'ebook qui!

 

Gres vs parquet

Ad oggi, dal punto di vista dell’innovazione tecnologica, il gres porcellanato ha raggiunto livelli così alti da permettere di reinterpretare in chiave contemporanea tutte le essenze naturali del legno, tanto che, a livello visivo e tattile, quasi non se ne percepisce la differenza.

Mentre il legno è un materiale delicato che necessita di manutenzione ordinaria costante (prevede infatti periodici trattamenti con oli, cere e saltuarie levigature, con i conseguenti oneri) il gres non richiede nessuna manutenzione straordinaria grazie alle sue caratteristiche di impermeabilità e resistenza alle scalfitture.

Il legno presenta inoltre dei limiti dati dalla sua natura, infatti non risulta adatto ad ambienti soggetti ad un elevato calpestio o con un alto tasso d’umidità; in entrambi questi ambiti di applicazione, invece, il gres è perfetto, grazie proprio alla sua idrorepellenza e resistenza all’usura.

Anche il LVT (Luxury Vinyl Tile), il PVC ed il laminato vengono proposti come alternativa al legno. Dal punto di vista estetico però, essendo le lame in vinile e quelle in laminato prodotte in serie, molto spesso presentano un design troppo uniforme e non “ricco e vario” nel suo genere come accade invece per il parquet in legno o le piastrelle in gres porcellanato.

Hilton Hotel Milano pavimenti in gres effetto legno

Hilton Hotel Milano
guarda il progetto

 

Gres vs marmo

Il più noto aspetto a favore del gres porcellanato è la sua scarsa porosità che, oltre a consentire un’alta resistenza alle macchie, facilita le operazioni di pulizia e manutenzione.

Dal punto di vista estetico, il gres è in linea con il marmo: grazie agli sviluppi tecnologici attuali, si riescono ad ottenere risultati di grande qualità che reinterpretano le venature più complesse di marmi rari e ricercati, garantendo inoltre una migliore stabilità di tono. Si possono realizzare magnifici pavimenti con gres porcellanato lucidato a specchio ad effetto marmo, che conferiscono eleganza e luminosità ad ogni ambiente.

La leggerezza del gres porcellanato inoltre ne agevola la lavorazione e il taglio nonché la posa in opera. Infine, la scelta del gres al posto del marmo si rivela una soluzione più ecologica in quanto la ceramica presenta un ciclo di vita più sostenibile rispetto al suo “corrispettivo naturale”.

Palais de festivals de Cannes pavimenti in gres effetto marmo

Palais des Festivals de Cannes, Cannes (Francia)
guarda il progetto

 

Gres vs pietra naturale

Il gres porcellanato possiede molte delle caratteristiche tecniche proprie della pietra naturale quali la durabilità, la resistenza al gelo, alle intemperie, agli urti e alle sollecitazioni. C’è da dire però, che a parità di spessore, è il gres a risultare più resistente. Il vero punto di forza del gres è l’ampio spettro di colori con una miglior resa nel tempo.

Inoltre, nelle pavimentazioni interne la sua elevata conducibilità, a differenza della pietra, lo rende perfetto per i sistemi di riscaldamento radiante. Altro elemento a favore del gres porcellanato è la sua resistenza agli attacchi di batteri e muffe, che più facilmente proliferano sulla pietra.

Da non dimenticare, anche in questo caso, la facile posa in opera e movimentazione delle lastre in gres che presentano spessore più ridotto rispetto alla pietra.

pavimenti in gres effetto pietra Therme Laa

Therme Laa
guarda il progetto

 

Il gres offre dunque la possibilità di realizzare con continuità, ossia con un unico materiale, sia la pavimentazione interna, dagli ambiti di servizio a quelli di rappresentanza, sia quella esterna. Il tutto senza sacrificare nessuna zona, ma presentando per ciascuna di esse ottime caratteristiche tecniche e con un risultato visivo che diventa elemento di gran pregio.

New call-to-action