L’e-book per conoscere il gres e dar forma alle tue idee

Un supporto Made in Florim per i tuoi progetti di interior design

Texture e pattern per il design di interni: uno studio sull’uso del colore

Una guida per progettare ambienti di carattere nel segno della contemporaneità

Un e-book per conoscere il gres e le sue possibili applicazioni tecniche

Spunti e idee per i tuoi progetti di architectural design

Parlare delle indubbie performance tecniche ed energetiche delle facciate ventilate è limitativo. Questi sistemi costruttivi, arrivati ad un soddisfacente grado di affidabilità tecnica, consentono una versatilità progettuale sempre più evoluta. Qui di seguito due casi che lo dimostrano.

Nella città di Québec uno showroom diventa landmark

 

idee_di_architettura-1


Cliente / Centura Tile
Destinazione / Commerciale
Superficie / 4.580 m2
Studio di progettazione / Coarchitecture
Foto di / Stéphane Groleau

guarda il progetto


Centura Tile è uno storico rivenditore di ceramiche al dettaglio con molti punti vendita in tutto il Canada, e qualche anno fa ha deciso di trasferirsi in una nuova filiale offrendo ai propri clienti uno showroom dedicato ai suoi prodotti e alla qualità del suo servizio di supporto a progettisti e general contractor. La trasformazione di un edificio esistente, ai margini dell'autostrada Félix-Leclerc della città di Québec, offriva la giusta location con una visibilità significativa.

facciate ventilate: nuova vita agli involucriLo studio canadese Coarchitecture, con l'aiuto del reparto marketing di Centura, ha definito uno spazio ampio e luminoso in cui l'aspetto materico dei prodotti connota tutte le scelte di interior ed exterior design. Lo sviluppo progettuale della facciata ha visto un importante apporto dell’ufficio tecnico di Florim.

Illuminata di sera, scintillante di giorno, con la sua finitura bianca lucida, unica nell’utilizzo della tassellatura pentagonale come motivo che ricorda la struttura della ceramica al microscopio, la facciata ventilata in ceramica mette in mostra la capacità artigianale di Centura. Se ci si avvicina all’edificio, queste lastre dalla forma pentagonale, di quasi 2 metri quadrati, colpiscono per le loro dimensioni e la precisione del montaggio.

Questo motivo geometrico, che identifica tutto il progetto, accompagna i visitatori sino alla sala espositiva caratterizzata da superfici chiare che accolgono i grandi espositori verticali, ricordando gli spazi di un museo moderno. Sfruttando la coerenza tra gli spazi esterni e quelli interni, e la grande vetrata a sud, lo spazio si apre sul paesaggio e consente l’ingresso di una bellissima luce naturale, che raggiunge tutti gli spazi interni.

L’opera, per la sua qualità architettonica, coerenza spaziale e per il design di tutti gli elementi costruttivi, si è meritata la menzione di eccellenza del “Grand Prix du Design” riconoscimento conferito dalla città di Québec agli edifici di maggiore qualità architettonica e costruttiva del territorio.

Per questo attento lavoro di recladding è stato scelto un formato custom ricavato dal 120x240cm della gamma di grandi lastre Florim Magnum Oversize. Le lastre sono state posate mediante il sistema di aggancio S1, brevettato da Florim, il quale permette alla struttura di facciata di rispondere in modo ottimale alle sollecitazioni di carico statico e dinamico a cui viene sottoposta dagli agenti esterni, senza mostrare nessun gancio di ancoraggio.

 

idee_di_architettura-2

 

Le lastre posate secondo una mappa geometrica di ispirazione ottagonale, ospitano nelle fughe le luci LED che illuminano l’edificio nelle ore notturne facendo diventare il rivestimento ceramico un importante segno architettonico.


A Rijeka il centro sportivo è modello di una nuova urbanità

 

idee_di_architettura-3


Cliente / Municipalità di Rijeka
Destinazione / Sportiva
Superficie / 16.823 m2
Studio di progettazione / 3LHD

guarda il progetto


Situato nel quartiere Zamet della città di Rijeka, in Croazia, il nuovo centro sportivo, dotato di una superficie totale di 16.830 m2, ospita molteplici funzioni: un palazzetto dello sport dotato di 2.380 posti a sedere, gli uffici della comunità locale, una biblioteca, una decina di spazi commerciali e un ampio garage.

La restante parte del complesso ludico include spazi pubblici, piazze urbane accessibili agli abitanti del rione e della città. Elemento architettonico distintivo dell'edificio è il suo attacco ipogeo, che lo vede quasi incastrato a terra, e la facciata che si sviluppa secondo delle strisce lineari simili ad un nastro: ora divengono copertura dell’edificio, ora si inclinano sino a distendersi orizzontalmente, dove si tramutano in spazi collettivi.

Questi nastri ceramici svolgono infatti il ruolo, contemporaneamente, di elemento architettonico e da elemento di zoning spaziale, in qualità di piazza pubblica e di collegamento tra nord (parco e scuola) e sud (la strada). Le strisce sono ispirate alla gromača, un tipo di roccia locale, reinterpretata cromaticamente e morfologicamente attraverso un’ attenta progettazione del sistema di involucro condotta dallo studio croato 3LHD e Florim. Lo spazio pubblico sul tetto non costituisce soltanto un elemento dell'edificio che estende in outdoor la parte commerciale ma è anche una sorta di prolungamento del parco situato a nord della palestra.

La struttura dell’edificio, di altezza variabile per consentire un’ adeguata illuminazione degli ambienti interni, è stata realizzata in acciaio, consentendo di coprire le notevoli luci richieste dal programma funzionale degli spazi interni.

 

idee_di_architettura-4

 

Oltre 51.000 lastre in gres porcellanato di forma pentagonale e diverse tonalità sono state disegnate dallo studio 3LHD e tagliate ad hoc da Florim per rispondere alle esigenze del progetto totalmente custom. La facciata ventilata, nelle zone in cui è applicata – pareti verticali e inclinate – è stata scelta come la migliore soluzione, e la più versatile per la protezione acustica degli spazi pubblici, l’isolamento e inerzia termica, che sono sinonimo di efficienza energetica.

Le lastre Florim utilizzate riportano il marchio Ecolabel, un importante certificazione europea che garantisce il ridotto impatto ambientale di un prodotto in tutto il suo ciclo di vita.

L'approfondito lavoro sulla materia è partito dall'osservazione dell'aspetto e della semplicità del suolo, per poi definire cromie e superfici ispirate alle tonalità della sabbia, della terra e della roccia, capaci di integrarsi con ambienti urbani grazie al perfetto bilanciamento tra industrializzazione e naturalità.

 

facciate ventilate: nuova vita agli involucri